Martedì 11 Dicembre 2018     
S. Damasco I (mf); S. Daniele Stilita; S. Sabino

II di Avvento
Is 40,1-11; Sal 95; Mt 18,12-14
Ecco, il nostro Dio viene con potenza.

PREGHIERA DEL MATTINO 
Ti ringrazio per questo nuovo giorno che ricevo dalle tue mani. Ancora oggi sarò sottoposto alle più diverse impressioni: prendimi per mano. Numerosi compiti mi attendono, agisci per mezzo della mia mano. Ogni sorta di pericoli mi minaccia: per proteggermi, prendimi nelle tue mani. 

ANTIFONA D'INGRESSO 
Il Signore verrà, e tutti i santi con lui: in quel giorno splenderà una grande luce. 

COLLETTA 
O Dio, che hai fatto giungere ai confini della terra il lieto annunzio del Salvatore, fa' che tutti gli uomini accolgano con sincera esultanza la gloria del suo Natale. Per il nostro Signore Gesù Cristo... 

PRIMA LETTURA  
Dio consola il suo popolo. 
Dal libro del profeta Isaia 40,1-11
"Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro Dio. Parlate al cuore di Gerusalemme e gridatele che la sua tribolazione è compiuta, la sua colpa è scontata, perché ha ricevuto dalla mano del Signore il doppio per tutti i suoi peccati". Una voce grida: "Nel deserto preparate la via del Signore, spianate nella steppa la strada per il nostro Dio. Ogni valle sia innalzata, ogni monte e ogni colle siano abbassati; il terreno accidentato si trasformi in piano e quello scosceso in vallata. Allora si rivelerà la gloria del Signore e tutti gli uomini insieme la vedranno, perché la bocca del Signore ha parlato". Una voce dice: "Grida" e io rispondo: "Che cosa dovrò gridare?". Ogni uomo è come l'erba e tutta la sua grazia è come un fiore del campo. Secca l'erba, il fiore appassisce quando soffio su di essi il vento del Signore. Veramente il popolo è come l'erba. Secca l'erba, appassisce il fiore, ma la parola del nostro Dio dura per sempre. Sali su un alto monte, tu che annunci liete notizie a Sion! Alza la tua voce con forza, tu che annunci liete notizie a Gerusalemme. Alza la voce, non temere; annuncia alle città di Giuda: "Ecco il vostro Dio! Ecco, il Signore Dio viene con potenza, il suo braccio esercita il dominio. Ecco, egli ha con sé il premio e la sua ricompensa lo precedono. Come un pastore egli fa pascolare il gregge e con il suo braccio lo raduna; porta gli agnellini sul petto e conduce dolcemente le pecore madri". 
Parola di Dio. 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 95) 
R: Ecco, il nostro Dio viene con potenza. 
Cantate al Signore un canto nuovo, 
cantate al Signore uomini di tutta la terra. 
Cantate al Signore, benedite il suo nome, 
annunciate di giorno in giorno la sua salvezza. R.
In mezzo alle genti narrate la sua gloria, 
a tutti i popoli dite le sue meraviglie. 
Dite tra le genti: "Il Signore regna!" 
Egli giudica i popoli con rettitudine. R.
Gioiscano i cieli, esulti la terra, 
risuoni il mare e quanto racchiude; 
sia in festa la campagna e quanto contiene, 
acclamino tutti  gli alberi della foresta. R.
Esultino davanti al Signore che viene: 
sì, egli viene a giudicare la terra; 
giudicherà il mondo con giustizia 
e nella sua fedeltà i popoli. R.

CANTO AL VANGELO 
Alleluia, alleluia. 
Il giorno del Signore è vicino: egli viene a salvarci. 
Alleluia. 

VANGELO  
Dio non vuole che i piccoli si perdano. 
+ Dal Vangelo secondo Matteo 18,12-14
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: "Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno solo di questi piccoli si perda". 
Parola del Signore. 

OMELIA 
Percepiamo spesso quel particolare tipo di smarrimento che deriva proprio dal primo peccato e da quelli attuali che ci affliggono. L'esperienza del peccato è la forma peggiore di angoscioso disorientamento che possiamo sperimentare: lontani da Dio, nudi e spauriti, perdiamo la percezione della nostra vera identità e della nostra dignità, perdiamo il rapporto di comunione con Dio, con i nostri fratelli e perfino con noi stessi. È consolante sapere da tutta la storia, che lo stesso Signore si è posto fin dal principio alla nostra ricerca e ha intessuto un piano di salvezza e di recupero dell'umanità, che ha avuto il suo culmine con la morte del pastore buono che s'immola sulla croce per le sue pecorelle. Cristo, anche per una sola delle sue pecore, avrebbe dato la vita pur di riaverla sana e salva nell'ovile. Lo afferma esplicitamente lo stesso Signore: "il Padre vostro celeste non vuole che si perda neanche uno solo di questi piccoli". La volontà di Dio è chiara: egli vuole che tutti siano salvi e i dispersi siano cercati e ritrovati, anche a costo della vita del Figlio suo. Ciò perché non manchi mai il motivo della gioia e della festa. "Se gli riesce di trovarla, - dice ancora Gesù - in verità vi dico, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite". È la gioia umana e divina, è il noto banchetto organizzato per il figlio che ritorna dopo l'abbraccio e il perdono paterno; è un anticipo e un "segno" della festa pasquale, della risurrezione finale, a cui tutti tendiamo. È anche la misura vera del nostro valore agli occhi di Dio! La stima e l'amore che egli nutre per ciascuno di noi! 
(Padri Silvestrini) 

PREGHIERA SULLE OFFERTE 
Ti siano gradite, Signore, le nostre umili offerte e preghiere; all'estrema povertà dei nostri meriti supplisca l'aiuto della tua misericordia. Per Cristo nostro Signore.

ANTIFONA ALLA COMUNIONE 
Il Signore, giusto giudice, darà la corona di giustizia a coloro che attendono con amore la sua venuta.

PREGHIERA DOPO LA COMUNIONE 
O Dio, che in questo sacramento ci hai nutriti con il pane della vita, insegnaci a valutare con sapienza i beni della terra, nella continua ricerca dei beni del cielo. Per Cristo nostro Signore.


PREGHIERA DELLA SERA 
L'uomo forte, bello e prestante è la misura di ogni cosa. Sono triste. Si nascondono i vecchi negli ospizi. Si isolano gli handicappati. I poveri non sono degni della società. Permetti al mondo di capire che non è ricco se tutti non vivono insieme.